Curiosità e Cioccolato #3

Linneo, importante studioso del Settecento, definì il cioccolato con il termine Theobroma, letteralmente “il cibo degli dei”. Si pensa sia in riferimento all’uso quasi mistico che ne facevano le popolazioni dell’america centrale ma in parte anche per legittimaner il grande apprezzamento ricevuto dalla nobiltà del vecchio continente.

Il cioccolato, nei secoli prima della sua massiccia diffusione, ha avuto estimatori illustri: Alessandro Manzoni, Gabriele D’ Annunzio, Salvador Dalì, Wolfang Amedeus Mozart e persino un Papa. Pio V nel 1569 generò scalpore consentendo nei periodi di digiuno la consumazione di una tazza di cioccolata al giorno, adducendo come motivazione il fatto che fosse liquida.

Ippolito Cavalcanti, celebre poeta e cuoco napoletano, riporta come fosse abitudine in tutta Europa già nella prima metà dell’800, bere una tazza di buon cioccolato dopo ogni pranzo ufficiale. Sul cioccolato furono scritti addirittura dei veri e propri manuali, su come preparare e servire questa affascinante bevanda. Insomma, un vero e proprio tema cult!!

#Persiciok&Cake