FIERA D’AUTUNNO: TRADIZIONE E FUTURO DI PERSICETO

Da quando la Fiera era solo un momento di raccolta merci e bestiame è passato molto tempo, così come molto tempo è passato da quando le prime esposizioni venivano annunciate dagli “avvisi di Fiera” firmati il gonfaloniere persicetano Luigi Morisi (1856-57). Nonostante una crisi economica che lascia poco spazio alle iniziative in favore di cospicui tagli di spesa, la Fiera d’Autunno rappresenta un forte legame con il nostro passato, le nostre radici, senza le quali non potremmo affrontare il futuro con positività e con un animo carico di speranze e aspettative.

Torna così la Fiera d’Autunno (20, 21, 22 e 23 settembre) con un occhio rivolto alla tradizione e a tutti gli appuntamenti che hanno sempre contraddistinto il settembre persicetano, ma anche con uno sguardo al nuovo, ad appuntamenti che possano dare nuova linfa all’evento che apre l’autunno: “Quest’anno ci saranno infatti due grosse novità – dice Andrea Balboni, vice-presidente della Pro Loco di Persiceto -, la prima è che il tema principale della Fiera sarà incentrato tutto sul ballo e la danza. Vi saranno quattro punti di Persiceto (piazza Sassoli, piazza del Popolo, porta Vittoria e porta Garibaldi), dove gruppi e scuole di ballo metteranno in scena i propri spettacoli e le proprie attività: balli latino-americani, capoeira, danza del ventre, tango argentino, street dance, danza moderna e rock and roll”.
“La seconda novità – prosegue Balboni – riguarda invece il gradito ritorno degli artisti di strada che si esibiranno il sabato e la domenica, in appositi luoghi loro assegnati, all’interno del nostro centro storico. La loro presenza sarà certamente all’insegna della musica e dell’allegria”.
Confermati i tradizionali appuntamenti che hanno sempre contraddistinto la Fiera: gli stand commerciali, il mercato straordinario (domenica 16) e le numerose mostre: “Sì, proprio tra le mostre – interviene il vice-presidente Pro Loco – ve ne sarà una fotografica sul terremoto. Sotto al portico del Palazzo Comunale ci saranno una trentina di monitor che manderanno in onda circa 5mila foto sui luoghi colpiti dal sisma, che fortunatamente ha solamente sfiorato Persiceto, pur con tutti i danni e i disagi che anche qui si sono fatti sentire. E su questo tema proseguiranno anche le raccolte fondi in favore delle popolazioni colpite”.
All’interno della Fiera ci sarà spazio anche per la 3ª edizione di Piazze di Pace (piazza Cavour), che per tre sere, dal venerdì alla domenica, accoglierà le associazioni attive sul territorio persicetano con eventi dedicati alla pace, all’amicizia tra i popoli e allo scambio tra culture.
“Per ultimo, ma non ultimo – dice Balboni –, come per la precedente Fiera di giugno anche la Fiera d’Autunno avrà un forte carattere ecologico con la presenza di alcune isole di raccolta differenziata, nei luoghi di svolgimento della manifestazione”.
di Andrea Balboni